Insicurezza allo specchio

Scritto da il mag 19, 2014 in Conoscersi, Evoluzione | 0 commenti

Insicurezza allo specchio

Alcuni comportamenti dettati dal bisogno di sicurezza:

– Mangiare sempre le stesse cose, indossare sempre lo stesso tipo di abiti, leggere sempre gli stessi giornali o riviste

– Vivere sempre nello stesso luogo per paura di andare altrove

– Rifiutare di ascoltare idee che non si condividono anziché prendere in considerazione il punto di vista dell’altro

– Non esternare le nostre emozioni per che nell’aprirsi si possa essere feriti

– Vedere sempre nella fuga il sistema per proteggersi

– Temere di non saper fare bene una determinata cosa e, per questo, non farla

– Accettare un lavoro (o altro compito) sicuro, dove già si sa che si riuscirà bene, invece di competere in una cosa diversa ed, eventualmente, fallire

– Evitare chiunque sia stato definito “diverso”

– Tenersi l’impiego/lavoro anche se non piace per la paura di affrontare la grande incognita di un lavoro diverso

– Tenersi un matrimonio, una relazione, che chiaramente non funziona per il timore di vivere da soli

– Passare le ferie ogni anno nella stessa località per non correre rischi

– Fare ogni cosa in funzione della prestazione e non del piacere di farla a prescindere dal risultato

– Valutare le cose per il loro prezzo e come misura del proprio successo

– Darsi da fare per avere qualifiche e altri simboli di condizione sociale benché non ci piacciano

– Essere incapaci di cambiare programma quando si presenta un’alternativa interessante

– Preoccuparsi sempre del tempo e permettere che siano gli orologi a regolare la vita

– Non voler sentir parlare di attività nelle quali non ci si è mai cimentati e che si vivono come “strane” come ad esempio la meditazione, lo yoga…

– Stare sempre con lo stesso gruppo di amici e mai estendersi a persone differenti

– Andare a una festa con una persona e stare sempre solo con lei perché è più sicuro

– Tenersi in disparte e non partecipare ad una conversazione su argomenti dove non ci consideriamo abbastanza intelligenti, o dotati, o competenti

– Condannarsi se non si riesce in tutto ciò che si intraprende

La lista potrebbe continuare e ognuno potrebbe fare la sua, ma invece di compilare ancora nuove liste, potremmo solamente chiederci: vogliamo vivere ogni giorno come abbiamo vissuto il precedente senza possibilità di crescita?

A volte ci creiamo da soli le nostre sofferenze perché incapaci di pensare in modo sano. Se diventiamo capaci di guardare le cose con un’altra prospettiva, i nostri tormenti possono scomparire. E’ sempre il nostro atteggiamento mentale a determinare la qualità della nostra vita.

 

Leggi anche “Di sicurezza si può morire” e “Insicurezza stop!

 

 

 

Liberamente tratto da “Le vostre zone erronee” – Wayne W. Dyer

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *